Dal 2009 al 2012 Direttore artistico del Torino Film Festival, Gianni Amelio è autore di un cinema attento alle tematiche dell’integrazione e del sociale. Collaboratore di Liliana Cavani e Ugo Gregoretti, inizia la carriera in televisione girando numerosi film (tra cui Il piccolo Archimede, 1979), per poi esordire sul grande schermo con Colpire al cuore (1982). Molte delle sue opere vengono riconosciute a livello internazionale, tra cui Porte aperte (1988) – candidato all’Oscar come miglior film straniero – Il ladro di bambini (1992) – Gran Premio speciale della giuria a Cannes e vincitore delll’European Film Academy – e Così ridevano (1998), Leone d’oro al Festival di Venezia. Quest’ultimo film, girato nella Torino dell’immigrazione meridionale, è il riassunto di alcuni temi ricorrenti del regista: l’interesse verso i deboli e i rapporti tra familiari.

The Way We Laughed

The director’s films are very concerned with the theme of social integration. Working alongside Liliana Cavani and Ugo Gregoretti, Amelio started his career in television directing films like The Little Archimedes (1979). he makes his cinema debut with Blow to the Heart (1982). Many of his works have achieved international recognition; including Open Doors (1988), nominated for an Oscar as Best Foreign film, The Stolen Children (1992), Grand Prix of the Cannes jury and The Way We Laughed (1998), Golden Lion at the Venice Film Festival. The latter film was shot in Turin. Amelio for four years (2009-2012) was the Artistic Director of the Turin Film Festival.