(episodio de Le coppie), di Mario Monicelli, con Enzo Jannacci, Monica Vitti, Italia, 1970, 48’

Adele (Monica Vitti) e Gavino (Enzo Jannacci), sono una coppia di sposi sardi immigrati a Torino. In una città che considerano fredda e inospitale sopravvivono a fatica. Gavino è venditore ambulante, Adele trascorre il suo tempo nel seminterrato in cui vivono, dedicandosi alla cura del loro grande frigorifero, perennemente semivuoto. Per pagare l’ultima rata dell’elettrodomestico Adele è costretta a prostituirsi.

Episodio del collettivo Le coppie (gli altri segmenti sono La camera, di e con Alberto Sordi e Il Leone, diretto da Vittorio De Sica con Alberto Sordi e Monica Vitti), il film è girato soprattutto nel quartiere periferico de Le Vallette. Dichiara il regista Mario Monicelli: “M’interessava mostrare la Torino del boom, con tutte quelle masse di immigrati. L’ho girato in una Torino respingente, poco ospitale, nello squallore dei quartieri popolari e negli stradoni notturni dove lavoravano le prostitute”. Tra le location anche alcuni luoghi più centrali (tra questi Piazza Solferino) e anche Porta Palazzo. Come ricorderà a distanza di anni Enzo Jannacci, “Giravamo di notte a Porta Palazzo, di giorno eravamo in albergo a dormire”. Tra i luoghi di Porta Palazzo visibili nel film, Piazza della Repubblica.

Completata nel 1837 e denominata Piazza Emanuele Filiberto, divenne sede dei nuovi mercati che avevano abbandonato le loro sedi storiche, piazzetta delle Erbe (oggi piazza Palazzo di Città) e piazzetta del Pane (oggi piazza Corpus Domini). La piazza assunse il nome attuale nel 1946, all’indomani del referendum istituzionale che sancì la vittoria della Repubblica sulla Monarchia. Il nome di Piazza Emanuele Filiberto fu attribuito in una piccola piazza di quello che oggi è denominato Quadrilatero Romano.