di Lina Wertmüller con Mario Scaccia, Isa Danieli, Sergio Assisi, Gabriella Pession. Italia – Francia, 1999

Siamo a Napoli nel 1825 alla corte di Ferdinando IV di Borbone re dal 1759, ma in realtà gli scenari non sono tutti napoletani, anzi per lo più la regista Lina Wertmüller gira le scene del suo film all’interno delle regge sabaude piemontesi, alternandosi con gli scenari della reggia di Caserta. Come già per Mimì metallurgico, Lina Wertmüller sceglie la città torinese e i suoi eleganti monumenti come ambientazione d’eccellenza.

La storia è quella di Ferdinando (Sergio Assisi), re napoletano, e di sua moglie Carolina d’Asburgo (Gabriella Pession). Il film ripercorre il loro primo incontro, la loro storia d’amore, gli odi, gli inganni in ambientazioni fastose, tra i decori barocchi e rococò delle più famose regge sabaude: Stupinigi, Venaria e Palazzo Reale. Dietro le leggiadre tende, i preziosi broccati e gli stucchi dorati delle stanze in cui si muove il re, si riconoscono gli interni di palazzo Reale: la Sala del Caffè,  nella decorazione floreale delle porte e nei dipinti di Daniele Seyter, e la Scala delle Forbici di Filippo Juvarra, nella raffinata decorazione in stucchi bianchi di corolle fiorite, conchiglie, volute e cartigli. Per quanto riguarda invece gli incontri con ministri e consiglieri le stanze sono quelle dell’Archivio di Stato e della Biblioteca Reale.

 

Ferdinando e Carolina (Ferdinando and Carolina), directed by Lina Wertmüller, with Mario Scaccia, Isa Danieli, Sergio Assisi, Gabriella Pession (Italy-France, 1999).

 Naples, 1825, the court of Ferdinando IV de Bourbon reigning since 1759. But not only the locations are not all from Naples, but the director Lina Wertmüller shoots her film mostly in Savoy royal residences and alternates other shooting in the Reggia di Caserta (Royal Palace of Caserta). As in Mimì metallurgico ferito nell’onore (The Seduction of Mimì), Wertmüller chooses Turin and its elegant monuments as set par excellence.

The story is the one between the Neapolitan king Ferdinand (Sergio Assisi) and his wife Carolina de Habsburg (Gabriella Pession). The movie recalls their first meeting, their love story, the hatred and the cheatings in majestic settings, between the baroque and rococo decorations of the most sumptuous Savoy royal palaces: Stupinigi, Venaria and Palazzo Reale (Royal Palace). Behind the elegant curtains, the precious brocades and the golden stuccos of the rooms walked by the king, it is possible to see the interiors of Palazzo Reale (Royal Palace): the floral decorations made by Daniele Steyer allows to recognize the so-called Sala del Caffè (Coffee Room), while the refined decorations of blooming corollas, shells, spirals and scrolls made of white stuccos identify Filippo Juvarra’s Scala delle Forbici (literally «Scissors Staircase»). As far as the scenes about the meeting with ministers and counsellors are concerned, are used the rooms of the Archivio di Stato (State Archive) and the Biblioteca Reale (Royal Library).