Regista e scrittore, Paolo Sorrentino esordisce giovanissimo nel cinema dapprima come sceneggiatore e poi con alcuni cortometraggi.
Il primo lungometraggio, L’uomo in più (2001), viene subito selezionato per il festival di Venezia ed ottiene un grande successo anche grazie all’interpretazione di Toni Servillo, da quel momento attore-feticcio di Sorrentino. L’interprete sarà anche protagonista de Le conseguenze dell’amore (2004) e de Il divo (2008), incentrato sulla figura del più volte Presidente del Consiglio dei Ministri italiano Giulio Andreotti. Proprio quest’ultimo film, girato anche a Torino (in alcune location come Palazzo Saluzzo Paesana della Cisterna) consacra il regista grazie al Premio della Giuria a Cannes e a due Nastri d’Argento e gli permette di girare, in coproduzione con gli studios americani, This Must the Place (2011), interpretato da Sean Penn ed incentrato sulla figura di una rockstar in declino.

Director and writer, Paolo Sorrentino made his cinema debut as screenwriter. His first feature film as director, One Man Up (2001), was immediately selected for the festival of Venice and achieved great success thanks to the acting of Toni Servillo, almost an actor-muse of Sorrentino from then onwards. In fact he took also the lead role in The Consequences of Love (2004) and in Il divo (2008), about the many times Italian Prime Minister, Giulio Andreotti. The latter film was shot in Turin (locations such as Palazzo Saluzzo Paesana della Cisterna) and made him win at the Cannes Film Festival the Jury Award. In 2011, in co-production with the American studios, he shoots This Must the Place, starring Sean Penn as a declining rock star.